Sono su Instagram @alememefairykiss

mercoledì 10 aprile 2013

Miniere e Natura

Eh si, perché in questo lembo di terra sarda, il Sulcis Iglesiente, la natura e l'archeologia industriale si fondono perfettamente. Soprattutto per una come me che ha un forte legame con il mondo minerario e trova estremamente affascinanti questi scenari..
Alcune di voi sapranno che non vivo in zona mineraria, tanto meno qualcuno della mia famiglia vi ha lavorato. La passione è nata quando ho iniziato a studiare le miniere per scrivere la tesi di laurea (io mi sono soffermata sul ruolo e il lavoro di donne e bambini nelle miniere sarde).
Così quando vedo quelle montagne e quelli che sono ormai reperti minerari (caseggiati, laverie, pozzi ecc) mi viene il magone.
Ma torniamo alla protagonista del post: le miniere di Masua (CI) che ho avuto il piacere di visitare domenica.
Il tempo non era dei migliori, c'era un forte vento ma nonostante ciò ci siamo avviati verso Iglesias poi Nebida, Masua e Buggerru.
Ecco su cosa si è soffermato il mio sguardo..
Lo scoglio chiamato Pandizucchero
Grazie per i commenti che mi state lasciando questi giorni. Grazie di cuore.

10 commenti:

  1. Uhhh la miniera di Porto Flavia!!! 2 anni fa l'ho visitata con la guida... Era agosto e fuori si moriva ma dentro, il fresco della roccia ha reso la visita molto piacevole... Storia incredibile e panorama mozzafiato!!! Poi Pan di Zucchero è davvero forte, io l'ho soprannominato Pan di Spagna :P Un abbraccio Tesoro ♥

    RispondiElimina
  2. Lo scoglio è favoloso! ^^
    Mi piacciono un sacco le tue foto, immagino il magone che tu possa provare per via delle miniere, ma guarda che paesaggi! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara.. sei troppo gentile ^_^

      Elimina
  3. Dev'essere stato affascinante e doloroso studiare delle donne e dei bimbi in miniera...Capisco il magone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, infatti. Contribuisce anche quell'aspetto..

      Elimina
  4. Ho visitato alcune miniere da bambina, ma vorrei tornarci. Trovo questi paesaggi desolati e malinconici davvero evocativi, ci passerei le ore... Peccato che nessuno voglia mai accompagnarmi, nonostante parte della mia famiglia sia originaria (e abiti) a Carbonia.
    Immagino che la tua tesi sia davvero interessante; io avevo fatto alcune ricerche scolastiche (roba molto all'acqua di rose) sulla nascita di Carbonia e ovviamente sulle miniere, ma non lessi praticamente nulla sulla situazione di donne e bambini in quel contesto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ricordavo che avessi radici in Sardegna. Hai ragione, gli scenari sono molto malinconici e forse è per quel motivo che mi piacciono tanto. Si prova un misto tra curiosità (chissà com'erano vivi quei luoghi qualche decennio fa) e la tristezza-malinconia.

      Elimina
  5. Che foto meravigliose!! Mi piacerebbe davvero tanto visitare la Sardegna! :)

    RispondiElimina
  6. Questa parte della Sardegna mi manca, ma spero di rimediare al più presto!

    RispondiElimina

Grazie mille per il vostri commenti!!♥

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...